Tu sei qui

Attivazione del contratto gas

Come attivare il contratto gas?

Stai entrando in una nuova casa precedentemente occupata e devi riattivare le utenze? Ecco una pratica guida per sapere come attivare un nuovo contratto del gas, le tempistiche, i dati necessari ed il costo.

Per prima cosa dovresti verificare se il contatore del gas è attualmente aperto o meno. Quando il contatore è chiuso viene apposto un sigillo sul rubinetto posizionato sopra il contatore per interrompere la fornitura.

Contestualmente all'attivazione puoi effettuare il passaggio ad un altro fornitore, chiama il numero 049.736.08.38 per informazioni sulle migliori offerte.

Attivare il contratto del gas con contatore aperto

  • La fornitura gas attualmente è attiva

Il precedente inquilino non ha disattivato l'utenza, il contatore non è stato chiuso ed il gas è ancora presente nell'abitazione. In questo caso puoi effettuare una voltura per cambiare il nome dell'intestatario del contratto del gas. Con questa operazione mantieni il precedente fornitore e le stesse condizioni economiche del vecchio contratto che aveva l'ex inquilino.

  1. Cosa fare per la voltura?
    Contatta il fornitore del precedente inquilino

Per fare la richiesta di voltura del contratto gas non è necessario recarsi personalmente al negozio del fornitore. La maggior parte dei fornitori permette di eseguire la voltura:

  1. Chiamando il numero verde del servizio clienti
  2. Accedendo sul sito internet del fornitore ed effettuando la richiesta online

In occasione della voltura sei libero di decidere se approfittare di un'altra offerta più conveniente sul mercato libero. Ti consigliamo di informarti sulle ultime offerte perché il mercato è in continua evoluzione ed è molto probabile che il contratto del vecchio inquilino abbia un prezzo fuori mercato.

Se vuoi attivare il tuo nuovo contratto del gas nel Servizio di Maggior Tutela, puoi farlo con qualsiasi fornitore che presta il servizio nella zona dove si trova la tua abitazione. Al momento della richiesta, specifica che desideri avere le condizioni e le tariffe regolate dall'Autorità del mercato tutelato.

Dati necessari per attivare il gas con voltura

Nel caso di voltura è indispensabile avere i dati del vecchio intestatario del contratto, incluso il suo codice fiscale. Un dato importante è il codice PDR, che identifica in maniera univoca l'utenza e che trovi sulla prima o seconda pagina della bolletta del gas (a volte è indicato come Codice Presa).
Tuttavia molti fornitori per effettuare la voltura, richiedono solamente il Numero Cliente e non il codice PDR. A volte devi invece comunicare al fornitore anche il numero di matricola del contatore, indicato sulla bolletta e sul contatore stesso e l'autolettura del contatore. Scopri i 3 passi per fare l'autolettura del contatore.

  • I dati necessari per la voltura sono:
  • Nome, cognome e codice fiscale dell'intestatario del nuovo contratto
  • Nome, cognome e codice fiscale del precedente inquilino
  • L'indirizzo di fornitura
  • Il codice PDR, se hai difficoltà a trovare il codice PDR clicca qui
  • Un documento di identità valido
  • Codice IBAN per l'eventuale domiciliazione bancaria del pagamento
  • Un recapito telefonico o un indirizzo email di contatto

Attivare il contratto del gas con contatore chiuso

  • La fornitura gas è sospesa

Quando la casa è disabitata da tempo la fornitura solitamente viene sospesa, chiudendo il contatore del gas con un apposito sigillo. L'operazione da richedere con l'utenza disattivata è il subentro, attraverso il quale viene sottoscritto un nuovo contratto a tuo nome e successivamente viene riattivata l'utenza.
Per farlo puoi contattare un qualsiasi fornitore scegliendo l'offerta più convieniente ed adatta al tuo profilo. Questo è valido sia nel caso in cui tu voglia attivare il contratto nel Servizio di Maggior Tutela con le tariffe regolate, sia nel Mercato Libero.

Confronta le ultime offerte gas
Per trovare l'offerta gas per te più conveniente sul mercato libero visita il nostro comparatore.

  1. Cosa fare per il subentro?
    Contatta il fornitore con cui intendi attivare il contratto di fornitura

Successivamente alla stipula del contratto, sarà lui a trasmettere la richiesta al distributore locale che fisicamente è incaricato di riattivare il contatore del gas, levando il sigillo.

Dati necessari per attivare il gas con subentro

Per il subentro ti servirà comunicare solo i dati dell'intestatario del contratto e quelli dell'utenza. A volte è necessaria anche la matricola del contatore che trovi sulla bolletta del gas o sul contatore.

  • I dati necessari per il subentro sono:
  • Nome, cognome e codice fiscale dell'intestatario del contratto
  • L'indirizzo di fornitura
  • Il codice PDR, se hai difficoltà a trovare il codice PDR clicca qui
  • L'uso del gas: cottura + acqua calda o cottura + riscaldamento con o senza acqua calda
  • Un documento di identità valido
  • Codice IBAN per la domiciliazione bancaria del pagamento
  • Un recapito telefonico o un indirizzo email di contatto

Assicurati che il gas non sia stato chiuso per morosità del vecchio inquilino che non ha pagato delle bollette. Se così fosse la riattivazione con un altro fornitore diverso dal precedente, potrebbe risultare complicata o addirittura impossibile. In questi casi ti consigliamo di contattare lo stesso fornitore per richiedere un subentro e dichiarare la propria estraneità in modo da non dover pagare il debito preesistente.

Attenzione in caso di prima attivazione
Se il contatore del gas è installato ma non è mai stato aperto, la procedura è diversa poiché è necessaria una verifica della tenuta dell'impianto.

Tempi di attivazione gas con subentro

L'operazione del subentro equivale ad una attivazione che deve essere eseguita entro 12 giorni a partire dalla data del ricevimento della tua richiesta da parte del fornitore. Una volta che il fornitore ha ricevuto la richiesta, la trasmette entro 2 giorni lavorativi al distributore locale, che deve provvedere alla riattivazione entro 10 giorni.
In caso di ritardo il cliente ha diritto ad un rimborso economico, in base alla tipologia del contatore installato, che viene accreditato automaticamente nella prima bolletta utile.

Quant'è il costo per l'attivazione del contratto gas?

I costi amministrativi e di servizio per l'attivazione del gas con voltura o subentro cambiano da un fornitore all'altro, sia nel Servizio di Maggior Tutela che nel Mercato Libero. Per i clienti domestici (classe contatore fino a G6) il costo per l'operazione si aggira intorno ai 20-40 €.
Il costo per l'imposta di bollo del nuovo contratto prevista per legge, è pari a 16 € e può essere addebitata al cliente. Il fornitore ha inoltre la possibilità di chiedere, a titolo di garanzia, un deposito cauzionale che deve essere al massimo pari a:

  • 25 € se i consumi sono inferiori a 500 smc all'anno
  • 77 € se i consumi sono tra 500 e 5.000 smc all'anno
  • circa una mensilità per consumi superiori a 5.000 smc all'anno
Categoria: