Bolletta Enel Energia: come leggerla e come pagarla

Offerte Enel EnergiaOfferte Enel Energia=

Vuoi Passare a Enel Energia ?

Servizio gratuito (lun-ven dalle 8 alle 21 e sab dalle 9 alle 19).

Offerte Enel EnergiaOfferte Enel Energia=

Vuoi Passare a Enel Energia ?

I nostri uffici ora sono chiusi: prendi un appuntamento per essere ricontattato.

enel energia bolletta
Pagare e sapere leggere la bolletta di Enel Energia

La bolletta Enel è un documento che viene inviato periodicamente a chi ha sottoscritto un contratto per la fornitura di energia elettrica o gas. Essa contiene diverse informazioni: dall'importo da pagare alle modalità di pagamento, dalle voci di spesa ai contatti dell'assistenza clienti. Continua a legger per saperne di più sulle bollette Enel Energia.


Come leggere la bolletta Enel Energia?

Per leggere la bolletta Enel Energia è necessario conoscere come sono composte le fatture. Potrai partire sia da una bolletta originale in tuo possesso che da un Fac Simile. La seconda opzione è particolarmente consigliata a chi non è ancora un cliente Enel e, dunque, non possiede alcuna bolletta di questo fornitore ma vuole saperne di più su questo argomento. Le bollette luce dell'Enel si compongono di diverse voci. Nella parte alta della prima pagina troverai tutti i dati più importanti relativi alla fornitura, vale a dire:

  • Indirizzo di fornitura;
  • Nome dell'offerta;
  • Tipologia cliente;
  • Metodo di pagamento;
  • Data di attivazione della fornitura;
  • Dati tecnici (potenza impegnata, potenza disponibile, tensione di fornitura).

Nell'area sottostante, Enel propone una sorta di tabella suddivisa in tre colonne:

  1. Nella colonna di sinistra sono riportati il codice fiscale, il codice POD ed il numero cliente dell'intestatario;
  2. L'area centrale è dedicata ai dati della fattura (tipologia di fornitura, numero della fattura, data di emissione, periodo di riferimento);
  3. Nella colonna di destra è indicato l'importo da pagare.

Proseguendo nella lettura della bolletta Enel, ti ritroverai a visualizzare la sezione denominata "Sintesi degli importi fatturati". Si tratta di uno spazio molto utile, perché ti permette di capire qual è il costo che dovrai sostenere per ognuna delle diverse voci di spesa che compongono la tua bolletta, cioè:

  • Spese per la materia prima;
  • Spese di trasporto e gestione del contatore;
  • Oneri di sistema;
  • Imposte;
  • IVA;
  • Ricalcoli;
  • Altre partite;
  • Canone RAI;
  • Bonus Sociale.

Bolletta Enel Energia e Canone Rai: infoIl canone RAI è una tassa annuale obbligatoria che viene pagata da tutti i proprietari di apparecchi televisivi e di altri dispositivi in grado di ricevere il segnale televisivo. Il canone viene riscosso dalla RAI (Radio Televisione Italiana) e serve a finanziare l'attività dell'azienda. Se sei titolare di un contratto di fornitura di energia elettrica e sei un cittadino privato con regolare residenza presso lo stesso indirizzo di fornitura, riceverai sulla tua bolletta Enel l'importo annuale del canone RAI, pari a 90€ e suddiviso il 10 bollette da 9€, nel periodo compreso tra gennaio ed ottobre (l'importo è di 18€ se la tua frequenza di fatturazione è bimensile).

In genere, la spese per la materia prima sono quelle che impattano maggiormente sull'importo della bolletta. Per saperne di più sui tuoi consumi energetici, dovrai dare un'occhiata alla sezione "Consumi fatturati e dettaglio letture". Essa ti permette di accedere a dati importanti, come;

  • Consumi annui;
  • Consumi rilevati;
  • Consumi fatturati.

Come scaricare la bolletta Enel Energia in PDF? Se hai attivato il servizio di bolletta web, ti basterà accedere all'area utente ed entrare nella sezione "Bollette". Ti comparirà l'elenco completo delle fatture, con la possibilità di scaricare ogni fattura in PDF e di archiviarla sul tuo dispositivo preferito.

Bolletta Enel Energia F1, F2 e F3

La tua bolletta Enel Energia potrebbe avere diverse tipologie di tariffe:

  • Tariffa monoraria;
  • Tariffa bioraria;
  • Tariffa trioraria.

Nelle tariffe monorarie il costo dell'energia è costante in tutti i giorni e le ore della settimana. Nelle tariffe biorarie e triorarie, il costo al kWh cambia in quanto la base di calcolo è rappresentata da due fasce orarie per la tariffa bioraria (F1 ed F23) e da tre fasce orarie Enel per la tariffa trioraria (F1, F2 ed F3).

  • Come sono suddivise le tre fasce orarie?
  • La Fascia F1 della bolletta Enel include l'energia elettrica utilizzata durante il giorno, nei giorni feriali (dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19). In questa fascia, il prezzo dell'energia è più elevato rispetto alle altre fasce, poiché si presume che in questi momenti l'utilizzo dell'energia sia maggiore;
  • La Fascia F2 va dal lunedì a venerdì, dalle 7.00 alle 8.00 e dalle 19.00 alle 23.00. In questa fascia, il prezzo dell'energia è leggermente più basso rispetto alla fascia 1, poiché si ipotizza che in tali fasi vi sia un minore impiego di energia;
  • La Fascia F3 è valida dalle 24 alle 7 e dalle 23 alle 24 da lunedì a sabato, mentre la domenica ed i festivi è attiva tutte le ore della giornata. È la fascia delle cosiddette ore fuori punta, quelle nelle quali c'è una maggiore convenienza in termini di costo al kWh dell'energia.

Bolletta Enel Energia: quanto costa un kWh? Il costo di un kWh dipende dalla tua offerta Enel Energia. Se, ad esempio, hai scelto una tariffa a prezzo fisso, per un determinato periodo pagherai sempre lo stesso costo. Di contro, le offerte a prezzo variabile prevedono un costo al kWh legato all'andamento del Prezzo Unico Nazionale (PUN). In queste circostanze, il costo tenderà a cambiare ogni mese, in base alle oscillazioni del mercato all'ingrosso dell'energia elettrica.

Bolletta Web Enel Energia: cos'è?

La bolletta web di Enel Energia è un servizio che permette ai clienti di ricevere la bolletta della fornitura di energia elettrica direttamente online, senza dover attendere la consegna a domicilio. Con la bolletta web, è possibile visualizzare la bolletta in formato digitale e accedere a tutte le informazioni relative alla propria fornitura, come:

  • Consumi;
  • Tariffe applicate;
  • Costi della fornitura;
  • Stato dei pagamenti.

Per accedere alla bolletta web di Enel Energia, avrai bisogno della registrazione al sito web di Enel Energia. Dall'area clienti, infatti, qualora il servizio non fosse ancora attivo, potrai richiedere l'invio della bolletta in formato elettronico. Una volta effettuata la registrazione, potrai visualizzare le tue bollette in qualsiasi momento e da qualsiasi dispositivo, utilizzando le credenziali di accesso fornite al momento dell'iscrizione. Tra l'altro, username e password che hai scelto per l'area clienti del sito web di Enel Energia sono valide anche per l'accesso all'App ufficiale del fornitore.

Come pagare la bolletta Enel Energia?

Enel Energia offre un'ampia scelta rispetto alle modalità di pagamento delle bollette. Se preferisci pagare la bolletta Enel senza bollettino e senza commissioni sappi che potrai usufruire di diverse alternative, in particolare:

  • Addebito diretto su conto corrente;
  • PayPal;
  • Carte di credito dei circuiti Visa, MasterCard, Maestro e American Express;
  • Conto online Enel X Pay.

Potrai pagare le tue bollette sia dall'area clienti che dall'app ufficiale di Enel, inserendo le tue credenziali di accesso. Oltre ai metodi di pagamento già citati, potrai optare anche per una di queste modalità:

  • MyBank;
  • PagoPa.

In questo caso, però, dovrai fare attenzione alle eventuali commissioni applicate dalla tua banca o dai prestatori dei servizi di pagamento. Potrai scegliere di pagare la bolletta Enel anche presso uno spazio Enel attraverso POS oppure presso i negozi della rete fisica Enel X Pay. In quest'ultimo caso, però, il costo di commissione è di € 1,30. Infine, è attivo il pagamento tramite bonifico bancario o attraverso home banking delle banche convenzionate con il servizio CBILL.

Come domiciliare bolletta Enel Energia?

Per domiciliare la bolletta di Enel Energia, puoi seguire questi passaggi:

  1. Accedi al tuo account Enel Energia tramite il sito web o l'app dell'azienda;
  2. Recati nella sezione "Il mio profilo" e seleziona l'opzione "Modalità di pagamento";
  3. Inserisci i dettagli del tuo conto corrente bancario, come il numero di conto, l'IBAN e il nome del titolare del conto. Assicurati di inserire le informazioni corrette, in modo da evitare errori o ritardi nella domiciliazione;

La domiciliazione della bolletta sarà attiva a partire dalla fattura successiva. Una volta attivato il servizio, il pagamento della bolletta verrà effettuato automaticamente dal tuo conto corrente, senza che tu debba preoccuparti di ricordare di pagare ogni mese.

Come rateizzare bolletta Enel Energia?

Se hai difficoltà a pagare la bolletta Enel puoi richiedere la rateizzazione. Potrai farlo dall'Area Clienti MyEnel o dall'App Enel in totale autonomia (sezione Servizi < Gestisci < Rateizza Bolletta) nei seguenti casi:

  • L'importo da rateizzare è inferiore a 5.000 euro;
  • In presenza di bollette domiciliate, ricordandoti di chiedere alla banca di bloccare l'addebito automatico prima della scadenza della fattura;
  • La tua bolletta contiene il deposito cauzionale ed il Canone RAI (il piano di rateizzazione sarà al netto di questi importi).

La richiesta andrà, invece, inoltrata al Servizio Clienti Enel Energia qualora l'importo da rateizzare sia superiore a 5.000 euro o nel caso in cui vi siano ulteriori richieste di rateizzazione in corso. Vale lo stesso discorso anche per coloro che vantano un credito nei confronti di Enel Energia e desiderano compensarlo con gli importi a debito, rateizzando la differenza.

Se il piano di rateizzazione viene accettato, riceverai le informazioni dettagliate per provvedere al saldo delle rate, tramite addebito in bolletta oppure attraverso un avviso di pagamento. Il piano di rateizzazione è da considerarsi annullato nel caso in cui il cliente non effettui il pagamento entro la scadenza delle rate.

Quali sono i dettagli dell'accordo tra Enel Energia e Associazioni dei Consumatori? Questo accordo, ufficializzato nel 2022, viene incontro a tutti i consumatori che, a causa dell'aumento del costo della materia prima, hanno incontrato serie difficoltà nel pagamento delle bollette. Esso prevede, a partire da gennaio 2022, la possibilità per i clienti domestici di richiedere un piano di rateizzazione fino a 12 rate, senza rata minima, senza interessi e senza anticipi.

Quando arriva la bolletta Enel Energia?

Una delle domande che i consumatori si pongono più spesso ha a che fare con la frequenza di fatturazione. Le bollette Enel Energia sono mensili o bimensili? Innanzitutto, è necessario precisare che la frequenza può cambiare in base a diversi fattori. Per le bollette della luce, la frequenza è:

  • Bimensile per tutti i clienti domestici;
  • Bimensile per i clienti non domestici con potenza del contatore inferiore a 15 kW;
  • Mensile per i clienti non domestici con potenza contrattuale che supera i 15 kW.

Aspetto come l'offerta sottoscritta, la tipologia di cliente ed i consumi possono condizionare la frequenza di arrivo anche delle bollette gas Enel. In particolare:

  • Se consumi più di 5.000 smc all'anno riceverai la bolletta ogni mese;
  • Se consumi tra i 501 e i 5000 Smc all’anno, la frequenza di fatturazione è bimensile;
  • Se consumi meno di 500 Smc/anno, ti arriveranno tre bollette all'anno (una ogni quattro mesi).

Bolletta Enel Energia troppo cara: cosa fare?

Se ritieni che la bolletta Enel Energia sia troppo cara, ci sono alcune cose che puoi fare per cercare di ridurre i costi della tua fornitura di energia elettrica:

  • Verificare se ci sono errori o anomalie nella bolletta: se ritieni che l'importo addebitato sia eccessivo rispetto ai tuoi consumi, puoi chiamare il Numero Verde Enel per segnalare la situazione e richiedere una verifica oppure compilare ed inviare il modulo di reclamo per la fatturazione di importi anomali;
  • Comunicare l'autolettura, una procedura che ti mette nelle condizioni di ricevere una bolletta Enel allineata ai tuoi consumi e per la quale ti basterà comunicare il tuo numero cliente di 9 cifre e i dati indicati sul contatore;
  • Valutare se è il caso di passare a un'offerta più conveniente: Enel Energia propone diverse soluzioni per la fornitura di energia elettrica, alcune delle quali potrebbero sposarsi meglio con le tue esigenze ed abitudini di consumo. Dai un'occhiata alle offerte Enel;
  • Valutare la possibilità di cambiare gestore, confrontando le offerte delle altre compagnie luce e gas;
  • Contattare il servizio clienti Enel Energia oppure recandosi presso uno spazio Enel, esponendo la problematica e tentando, insieme ad un operatore Enel, di trovare una soluzione soddisfacente;
  • Adottare comportamenti più sostenibili: uno dei modi per ridurre i costi della bolletta Enel è cercare di consumare meno energia. In che modo? Spegnendo le luci e gli elettrodomestici quando non servono, utilizzando lampadine a risparmio energetico e scegliendo apparecchiature a basso consumo energetico.

Bolletta Enel intestata a defunto: cosa fare?

Se la bolletta Enel è intestata ad un defunto, per risolvere la problematica è necessario effettuare la voltura mortis causa. Si tratta di una pratica necessaria per regolare la situazione e garantire la continuità del servizio agli eredi del defunto. Grazie a questa procedura, infatti, è possibile cambiare l'intestazione del contratto e fare in modo che l'intestatario sia un legittimo erede della persona scomparsa.

Per inviare correttamente la richiesta di voltura mortis causa, esiste un apposito modulo Enel da scaricare. Una volta compilato il modulo ed apposta la data e la firma, potrai trasmetterlo ad Enel sia online che fisicamente, presso uno dei tantissimi punti vendita presenti in tutta Italia. Ricorda di allegare al modulo anche una copia del documento d'identità del nuovo intestatario. Contrariamente alla voltura tradizionale, quella mortis causa è gratuita.

  • Quali dati servono per effettuare una voltura mortis causa Enel?
  • Numero Cliente;
  • Numero di telefono;
  • Indirizzo e-mail;
  • Dati anagrafici del nuovo intestatario (nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale);
  • Nome, cognome e data di decesso dell'intestatario;
  • Codice POD/PDR;
  • Legame di parentela tra il nuovo intestatario ed il deceduto;
  • Indirizzo di fornitura;
  • Indirizzo di residenza.

Se stai per traslocare in una nuova abitazione, ti suggeriamo la lettura dei seguenti articoli:

Aggiornato in data