Come fare il subentro di luce e gas?


Attivazioni

049.736.08.38

image-content

Come fare il subentro luce e gas

Il subentro riguarda i casi in cui il contatore della luce o del gas è attualmente inattivo ma è già stato utilizzato in passato.

Si tratta quindi di riattivare l’utenza a nome del nuovo inquilino come se fosse un'attivazione. Se invece il contatore non è stato chiuso regolarmente poiché sospeso per morosità, la procedura per riattivare un contatore moroso è diversa dal subentro.  

Richiesta di subentro per la luce e il gas

La richiesta di subentro deve essere inviata al fornitore con il quale intendi attivare l’utenza.

Puoi richiedere il subentro in vari modi:

  • Direttamente allo sportello del fornitore;
  • In via telematica, via telefono chiamando il servizio clienti o compilando il modulo via internet.

Subentro fornitura luce

Per ottenere di nuovo la luce in casa, raccogli tutti i documenti necessari per avviare il subentro della luce. Dopo di che puoi chiamare il fornitore di tua scelta per richiedere l'avvio dell'attivazione del contatore. 

  • Documenti utili e necessari:
  • i dati anagrafici, documenti e recapiti (telefonici e e-mail) dell'intestatario della fornitura
  • il codice POD, che trovi sulla bolletta
  • la potenza del contatore
  • nel caso in cui si tratti di prima casa, occorre un'autodichiarazione di residenza, per potere usufruire della tariffa agevolata D2
  • le coordinate del conto bancario in caso di pagamento tramite domiciliazione bancaria
  • se possibile, una bolletta recente, che permette di identificare le caratteristiche della fornitura da comunicare al tuo fornitore (profilo di consumi, potenza) e di verificare che non ci siano problemi di morosità

Tempistiche per il subentro dell’utenza elettrica

L'Autorità ha stabilito 7 giorni lavorativi come tempo entro cui riatticare un contatore dell'energia elettrica da quando il cliente ha trasmesso la richiesta al fornitore:

  • il fornitore ha 2 giorni lavorativi per inoltrare la richiesta al distributore
  • il distributore ha 5 giorni lavorativi attivare il contatore

Se il distributore tarda nell'attivazione il cliente ha diritto ad un risarcimento automatico di 35 € se la l'attivazione è stata effettuata entro il doppio del tempo, di 70 € entro il triplo e di 105 € oltre il triplo..

Quanto costa il subentro della fornitura di luce

I costi del subentro della luce nella Maggior Tutela e nel mercato libero
Servizio di Maggior Tutela I costi sono fissati dall’Autorità, che sono pari a:
  • 27,59 € per oneri amministrativi
  • 23 € contributo fisso
  • 16 € imposta di bollo
  • Deposito cauzionale

Il costo totale ca. 67 €, che vanno sommati all’eventuale deposito cauzionale a discrezione del fornitore di elettricità.

Mercato Libero
  • un contributo fisso di 27,59 € di oneri amministrativi
  • una quota di servizio determinata dal fornitore e che può oscillare tra 20 € e 60 €

Attivazioni

049.736.08.38

Subentro fornitura gas

Per ottenere di nuovo il gas in casa, raccogli tutti i documenti necessari per avviare il subentro del gas. Dopo di che puoi chiamare il fornitore di tua scelta per richiedere l'avvio dell'attivazione del contatore del gas.

  • Documenti utili e necessari:
  • i dati anagrafici, documenti e recapiti (telefonici e e-mail) dell'intestatario della fornitura
  • il codice PDR, stabilito al termine dell’allacciamento
  • le coordinate del conto bancario in caso di pagamento tramite domiciliazione bancaria

Tempistiche per il subentro del gas

Sempre l'Autorità ha indicato 12 giorni lavorativi come tempo massimo per attivare il contatore del gas. In particolare:

  • ha 2 giorni lavorativi per inoltrare la richiesta al distributore locale di gas metano
  • il distributore ha 10 giorni lavorativi per inviare un tecnico e attivare il gas

Se a causa di un ritardo del distributore la fornitura viene attivata oltre il tempo previsto il cliente ha diritto ad un rimborso di 30 €.

Quanto costa l'attivazione gas

Servizio di Maggior Tutela

&

Mercato Libero
  • I costi amministrativi per il subentro del gas variano a seconda del distributore locale
  • Esclusivamente al mercato libero il fornitore può richiedere un costo per gestire la pratica

Se l'impianto è soggetto alla delibera 40/2014 il fornitore addebita al cliente 40 € per gli impianti domestici. In caso di impossibilità all'accertamento il fornitore addebita al cliente 15 € e nel caso di verifiche sugli impianti da parte del Comune, il fornitore addebbita al cliente 60 €.

Attivazioni

049.736.08.38

Aggiornato in data