Casa ecologica: quali materiali scegliere per risparmiare energia in casa

È possibile costruire e arredare la tua casa con materiali naturali e allo stesso tempo risparmiare energia. Ecco la nostra selezione di eco-prodotti.

Risparmia energia e preserva la tua salute

Oggi, le persone nei paesi industrializzati trascorrono circa l'80% del loro tempo all'interno di una stanza, ufficio o alloggio. Tuttavia, pochi architetti o prime appaltatrici si preoccupano dei problemi di salute legati all'abitazione. Per risparmiare energia, le case sono diventate sempre più impermeabili, promuovendo così lo sviluppo di microrganismi, vettori di asma e malattie respiratorie. Optare per una costruzione ecologica significa innanzitutto rispettare la salute degli occupanti e scegliere materiali naturali adatti alle condizioni climatiche del luogo (sole, venti prevalenti, pioggia, acque sotterranee, ecc.).

Costruire con materiali naturali

Per limitare il prelievo di risorse naturali, durante la costruzione di abitazioni, case o appartamenti, è possibile utilizzare materiali di origine rinnovabile, come legno, canapa, paglia o terra cruda...

Legno

In Italia, solo una casa su quindici è costruita in legno, contro una su due in Giappone e nove su dieci in Scandinavia. È un materiale riciclabile e rinnovabile molto amato nello stile Japandi che unisce il Giappone e Scandinavia. Inoltre, è quindici volte più isolante del cemento. Qualità che spiegano il suo ritorno in grazia, in particolare per costruire la struttura degli edifici che si possono "riempire" con altri materiali ecologici, come mattoni di canapa o balle di paglia, ad esempio.

Canapa

Pianta ecologica per eccellenza, cresce facilmente, anche in terreni poveri, richiede poco fertilizzante, poca acqua e nessun pesticida. Mescolato con calce, le sue fibre costituiscono un calcestruzzo che si deposita tra le assi della cassaforma. Una volta che questo calcestruzzo di canapa è completamente asciutto, vengono rimossi e il muro è protetto all'interno e all'esterno con un rivestimento. L'implementazione di questo materiale richiede il rispetto di alcune regole. Per i neofiti, i produttori offrono mattoni di canapa prefabbricati che possono essere utilizzati senza qualifiche speciali (circa 30 € / m2).

Paglia

L'idea di costruire una casa di paglia ti ricorda un po' troppo la storia dei tre porcellini? State tranquilli, le costruzione in paglia restano in perfette condizioni per molto tempo! Il principio: si costruisce un telaio di legno che viene poi riempito con balle di paglia prima di rivestirli con calce per proteggere le pareti dal fuoco. Lo spessore del materiale gli conferisce un'eccellente capacità di isolamento paragonabile a quella di una parete in blocchi di cemento rivestita con lana di roccia di 24 cm. La costruzione in paglia ha molto successo con gli autocostruttori.

Terra cruda

Come la paglia, la terra cruda è un materiale riciclabile, rinnovabile, non inquinante e disponibile localmente. Può essere montato tra due forme o utilizzare mattoni fatti di una miscela di terra e calce passata attraverso una pressa e lasciati asciugare per qualche settimane. In entrambi i casi, la casa deve essere protetta dalle intemperie, vale a dire una base di pietra o mattoni e sporgenze del tetto.

Materiali isolanti ad alte prestazioni

Alcuni materiali da costruzione ecologici, come paglia, fungono anche da isolamento. Ma se le pareti della tua casa sono fatte di blocchi di cemento o terra, ci sono isolanti con prestazioni identiche a quelle della lana minerale senza i loro svantaggi per la salute. Quale scegliere? Dipende dal clima, dall'altitudine e dall'orientamento della casa. E dell'implementazione.

Ovatta di cellulosa e sughero

L'isolante ecologico più utilizzato in Europa è l'ovatta di cellulosa, ottenuta da vecchi fanghi di carta o cancelleria. Ha lo stesso potere isolante della lana minerale ma la sua produzione richiede infinitamente meno energia: da 6 kWh contro 150 kWh (lana di roccia) a 250 kWh (lana di vetro). Si trova alla rinfusa, da soffiare in scatole o in pannelli. Il suo concorrente immediato, il sughero, combina tutte le qualità: leggero, a prova di marciume, idrorepellente, non infiammabile, insensibile a funghi e insetti. Offre prestazioni termiche paragonabili a quelle della fibra di cellulosa, ma il suo prezzo è più elevato (circa 30 € / m2).

Canapa e lino

La canapa è anche una soluzione efficace e facile da implementare, poiché si presenta sotto forma di pannelli flessibili o rotoli di diversi spessori, che non rende obbligatorio l'intervento di un professionista. Come la canapa, il lino è facilmente coltivabile. Le fibre vengono trasformate in pannelli isolanti che assorbono bene l'umidità, per questo sono state utilizzate a lungo nel Nord Europa. Lana di pecora Isolamento imprevisto, la lana di pecora è disponibile in rotoli. Materiale rinnovabile, riciclabile ed economico, la lana di pecora presenta due inconvenienti: non è molto efficace contro il calore e attrae le tarme. Usato come isolante, deve assolutamente essere trattato... con un prodotto ecologico naturalmente!

Aggiornato in data