Servizio Maggior Tutela: cosa significa e quando scade

offerte luce e gasOfferte luce e gas=

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Risparmia oltre 888 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

offerte luce e gasOfferte luce e gas=

Scopri le Migliori Offerte Luce e Gas di Oggi

Risparmia oltre 888 € l'anno. Servizio gratuito e attivo dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21 e il sabato dalle 9 alle 19.

Servizio Maggior Tutela
Servizio Maggior Tutela cos'è

Il Servizio di Maggior Tutela è una forma di regolamentazione del mercato dell'energia elettrica e del gas, volto a proteggere alcune categorie di consumatori. Scopri cosa s'intende per mercato tutelato, le differenze con il mercato libero ed il mercato di salvaguardia e quando è prevista la sua fine.


Servizio Maggior Tutela: cos'è?

Il Servizio di Maggior Tutela è una opzione di fornitura di energia elettrica e gas naturale prevista dalla normativa italiana per garantire ai consumatori che non sono ancora passati al mercato libero la continuità della fornitura.

Chi rientra nel Servizio di Maggior Tutela?Il Servizio di Maggior Tutela si rivolge ai clienti domestici e alle microimprese con potenza impegnata del contatore inferiore a 15 kW e che non hanno ancora sottoscritto un contratto di fornitura con un venditore nel mercato libero. L'erogazione avviene grazie all'impresa locale di distribuzione, la quale però potrebbe anche affidare l'incarico ad un'altra società.

Come funziona il Servizio di Maggior Tutela?

Il Servizio di Maggior Tutela ha una durata di 12 mesi e viene rinnovato automaticamente ogni anno, a meno che il consumatore non eserciti la facoltà di scelta del fornitore e non sottoscriva un contratto con un altro gestore. Se decidi di rimanere con il Servizio di Maggior Tutela, il contratto viene rinnovato automaticamente per un altro anno e non dovrai fare nulla. Se invece vuoi cambiare fornitore, puoi scegliere tra le diverse opzioni offerte dal mercato libero dell'energia.

È importante ricordare, infatti, che il Servizio di Maggior Tutela non è l'unica opzione di fornitura di energia elettrica e gas naturale disponibile per i consumatori italiani. Esiste anche il mercato libero dell'energia, che permette ai consumatori di scegliere il proprio fornitore di energia tra una ampia gamma di opzioni offerte da diverse società.

Quando scade il Servizio di Maggior Tutela?

La fine del Servizio di Maggior Tutela è vicina. A meno di ulteriori proroghe, il mercato tutelato scade il 10 gennaio 2024 per quanto concerne le famiglie. Diverso, invece, il discorso sul fronte delle imprese. Il Servizio di Maggior Tutela per l'erogazione dell'elettricità a vantaggio delle piccole e microimprese con potenza impegnata superiore a 15 kW risulta scaduto già dal 1° gennaio 2021. Per le aziende coinvolte da questo provvedimento e che non hanno ancora scelto un fornitore nel libero mercato, è stato istituito il Servizio a Tutele Graduali. Ciò per assicurare la continuità della fornitura del servizio di energia elettrica.

Per le altre microimprese e per i clienti non domestici, come ad esempio alcuni condomini, la data di fine del servizio di maggior tutela è il 1° gennaio 2023. L'attivazione del Servizio a Tutele Graduali è stata, però, prorogata al 1 aprile 2023 . Nei tre mesi che intercorrono tra queste due date, i consumatori che non avranno ancora attivato un contratto con un gestore del mercato libero continueranno ad essere serviti dallo stesso esercente in regime di maggior tutela, alle condizioni contrattuali già attive.

Cos'è il Servizio a Tutele Graduali?

Il Servizio a Tutele Graduali è un servizio sviluppato dall'Autorità di Regolazione per l'Energia Reti e Ambiente. È nato con l'obiettivo di garantire la non interruzione della fornitura e accompagnare i consumatori nella fase di passaggio dal mercato tutelato al mercato libero. Fanno parte del servizio a tutele graduali:

  • Imprese con meno di 10 dipendenti e fatturato annuo non superiore a 2 milioni di euro, con potenza impegnata del contatore superiore a 15 kW;
  • Imprese con un numero di dipendenti compreso tra 10 e 50 unità e/o un fatturato annuo compreso tra 2 milioni di euro e 10 milioni di euro, titolari di un punto di prelievo collegato alla rete in bassa tensione.

A partire dal 1° luglio del 2021 e per un massimo di tre anni, solo alcuni venditori possono offrire il servizio a tutele graduali, grazie ad una specifica procedura concorsuale che ha stabilito anche la suddivisione territoriale tra i vari gestori. Ecco l'elenco delle compagnie autorizzate ad offrire il servizio a tutele graduali e le rispettive aree di competenza:

  • Axpo Italia (Piemonte ed Emilia Romagna);
  • Iren Mercato (Comune di Milano, Puglia, Toscana, Valle d'Aosta e Friuli Venezia Giulia);
  • Hera COMM (Basilicata, Sicilia, Sardegna, Calabria, Campania, Marche, Molise, Umbria ed Abruzzo);
  • A2A Energia (Trentino, Veneto, Liguria, Lombardia e Lazio).

Cos'è Enel Servizio Maggior Tutela? Il principale fornitore in Italia nell'ambito del servizio di maggior tutela è il Gruppo Enel, con la società Servizio Elettrico Nazionale. Del resto, il Gruppo detiene anche la proprietà di E-Distribuzione, la più grande azienda italiana nell'ambito della distribuzione dell'energia elettrica con più di 1.100.000 km di rete gestita a livello nazionale e più di 30 milioni di clienti connessi alla rete.

Servizio di Maggior Tutela e Mercato Libero: cosa conviene?

La scelta tra il mercato tutelato e il mercato libero dell'energia dipende dalle specifiche esigenze e preferenze di ogni singolo consumatore. Il mercato tutelato potrebbe essere definito come l'opzione di default per i consumatori che non hanno ancora scelto un fornitore di energia.

Il mercato libero dell'energia offre ai consumatori maggiori opportunità di personalizzazione della propria fornitura di energia in base alle proprie esigenze e preferenze, ad esempio scegliendo tra tariffe variabili o fisse, contratti a lungo o breve termine, e così via.

Da questo punto di vista e considerando anche l'ampio ventaglio di scelte che garantisce, il mercato libero appare certamente la soluzione più congeniale e conveniente sia per le famiglie che per condomini ed imprese. Chiaramente, dovrai essere bravo a confrontare le offerte e a stare sempre sul prezzo, per ottenere una fornitura a condizioni economiche vantaggiose.

  • Quali sono gli altri vantaggi del mercato libero?
  • Maggiore concorrenza e, dunque, un ventaglio di scelte più ampio;
  • Possibilità di scegliere, laddove possibile, un unico fornitore sia per la luce che per il gas;
  • Nessun vincolo temporale;
  • Nessuna penale in caso di passaggio ad altro gestore;
  • Personalizzazione delle offerte.

Qual è la differenza tra mercato tutelato, mercato libero e mercato di salvaguardia?

Il mercato tutelato è un mercato regolamentato in cui i prezzi dei prodotti o dei servizi sono stabiliti da un'autorità pubblica o da un organismo indipendente, al fine di proteggere i consumatori da pratiche commerciali ingannevoli o abusive.

Nel mercato tutelato dell'energia elettrica e del gas, il consumatore accede all'energia alle condizioni economiche e contrattuali prefissate da ARERA (Autorità di Regolazione Energia Reti e Ambiente). La tutela è una condizione che garantisce il servizio di fornitura anche a chi non ha ancora optato per il passaggio al mercato libero. 

Fino a qualche mese fa, il prezzo dei contratti energetici del mercato tutelato veniva calibrato su base trimestrale. Di recente, a causa anche del periodo di forte instabilità del settore energetica e allo scopo di tutelare i consumatori, anche ARERA ha deciso di ancorare le condizioni economiche della fornitura di energia elettrica al PUN (Prezzo Unico Nazionale). Il valore del PUN viene comunicato su base mensile e rappresenta la media delle varie rilevazioni giornaliere.

Nel mercato libero, invece, l'utente ha la facoltà di negoziare le tariffe direttamente col fornitore. Questo significa semplicemente che avrai la possibilità di scegliere il gestore più adatto alle tue esigenze. Il mercato libero ti offre, tra l'altro, maggiori spazi di manovra anche sul fronte delle fasce di consumo, consentendoti di scegliere, nell'ambito delle forniture di energia elettrica, tra:

  • Tariffa monoraria;
  • Tariffa bioraria;
  • Tariffa trioraria.

Nella tariffa monoraria il costo dell'energia non cambia a seconda dell'orario o del giorno della settimana. Diverso è, invece, il caso delle tariffe biorarie e triorarie, le quali offrono condizioni economiche differenti a seconda degli orari e dei giorni in cui si concentrano maggiormente i tuoi consumi.

Quali sono le fasce di consumo? La fascia F1 va dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 19 ed è quella delle ore di punta. La fascia F2 va dal lunedì al venerdì dalle 7 alle 8 e dalle 19 alle 23 ed il sabato dalle 7 alle 23. La fascia F3 è quella più conveniente ed è attiva dal lunedì al venerdì dalle 23 alle 7 ed h24 la domenica e nei giorni festivi.

È importante specificare che, sostanzialmente, la differenza tra mercato libero e mercato tutelato dell'energia coinvolge esclusivamente la componente materia prima. Se hai mai visualizzato una bolletta del gas o della luce, probabilmente avrai notato che ci sono diverse voci di spesa, tra cui:

  1. Spese di gestione e trasporto del contatore;
  2. Oneri di sistema;
  3. IVA ed altre imposte.

Ebbene, tutte queste voci si trovano sia sulle bollette dei clienti del mercato libero che su quelle dei consumatori del mercato tutelato. Si tratta, infatti, di spese non legate a decisioni commerciali dei fornitori.

Chiudiamo, infine, con il mercato di salvaguardia. È un mercato che ospita clienti domestici e non domestici che si trovano momentaneamente senza un gestore, in particolare:

  • Imprese ed enti pubblici che non hanno ancora scelto un fornitore del mercato libero e che hanno un sito alimentato in media o in bassa tensione;
  • Imprese che dispongono di un sito in bassa tensione, con più di 50 dipendenti ed un fatturato annuo che supera i 10 milioni di euro.

Contrariamente al mercato tutelato nel quale a stabilire le condizioni economiche è ARERA, nel servizio di salvaguardia tale compito spetta all'Acquirente Unico. La scelta dei fornitori legittimati ad erogare l'energia in regime di salvaguardia avviene tramite un'asta pubblica, indetta proprio dall'Acquirente Unico. Per il biennio 2021-22 i fornitori del servizio di salvaguardia, con la relativa ripartizione territoriale, sono le seguenti compagnie:

  • Enel Energia (Sicilia, Calabria, Trentino Alto Adige, Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lazio, Molise, Puglia, Basilicata, Friuli-Venezia-Giulia, Veneto ed Emilia Romagna);
  • A2A (Sardegna, Marche, Toscana, Lombardia);
  • Hera (Campania, Umbria, Abruzzo).

Servizio Maggior Tutela: Numero Verde

Se desideri chiedere informazioni sul servizio di maggior tutela puoi contattare il Numero Verde dello Sportello per il Consumatore 800.166.654. Se, invece, il tuo scopo è quello di metterti in contatto con il tuo attuale fornitore del mercato tutelato, è doveroso fare una precisazione. Infatti, nel mercato tutelato dell'energia elettrica il fornitore e l'azienda locale di distribuzione potrebbero coincidere, a meno che il distributore non decida di incaricare della gestione del servizio una specifica società. Diverso è, invece, il caso del gas. In questo comparto, infatti, tutti i fornitori possono lanciare offerte che rientrano nell'ambito del servizio di maggior tutela.

Ecco alcuni contenuti che potrebbero esserti utili per metterti in contatto con il tuo fornitore del mercato tutelato:

Aggiornato in data